Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Zero Dark Thirty

di Kathryn Bigelow. Con Jessica Chastain, Scott Adkins

di Svevo Moltrasio

Dopo l'attentato alle torri gemelle gli americani sono ossessionati da Osama bin Laden e lo cercano ovunque. La caccia arriverà a buon termine grazie, soprattutto, alla caparbietà di una donna.

Dopo la consacrazione – immeritata - agli Oscar con il precedente THE HURT LOCKER, torna in sala Kathryn Bigelow. Sempre sceneggiato da Mark Boal, il film vede come assoluta protagonista la lanciatissima Jessica Chastain. La critica anche questa volta è entusiasta e i premi non sono mancati, anche se per i prossimi Oscar la regista non è entrata nella nomination di categoria.

Sulla falsariga del film precedente, la Bigelow persegue lungo il cinema d’attualità, allontanandosi sempre più da quello di genere sperimentato, spesso con ottimi risultati, a cavallo tra gli anni 80 e 90. Di nuovo la guerra è al centro della pellicola, anche se l’attenzione è soprattutto rivolta alla strategia grazie alla quale l’intelligence americana nel 2011 è arrivata a stanare il nemico pubblico numero uno, Osama bin Laden.

Nelle due ore e mezza abbondanti di durata, il film vede una prima parte che tra torture, chiacchiere e pedinamenti, sembra far pensare ad una moderna serie televisiva. Il cerchio si chiude con il lungo epilogo e l’uccisione del cattivo. Soprattutto nella spietata operazione notturna finale la Bigelow mostra tutte le sue doti, per una lunga scena tirata che toglie il fiato. Per il resto? Si chiude con un primo piano in lacrime della protagonista. Mezzucci di sceneggiatura per dare sostanza a personaggi di cartapesta.
 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - bigelow - chastain
 

[06-02-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE