Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Noi siamo infinito

di Stephen Chbosky. Con Emma Watson, Ezra Miller, Logan Lerman

di Rosario Sparti

È il 1991 e Charlie è un ragazzo molto intelligente, ma allo stesso tempo timido e insicuro, che osserva il mondo intorno a sé tenendosi in disparte. Un giorno due carismatici ragazzi dell’ultimo anno, la bella Sam e il suo impavido fratellastro Patrick, lo prendono sotto la loro ala protettrice accompagnandolo verso nuove amicizie, il primo amore, il primo bacio, le prime feste, le rappresentazioni del Rocky Horror Picture Show e la ricerca della colonna sonora perfetta della loro vita. Allo stesso tempo, il suo professore di inglese, il sig. Anderson lo introduce al mondo della letteratura, facendo nascere in lui il sogno di diventare scrittore.

Lo scrittore Stephen Chbosky esordisce alla regia adattando il suo romanzo “The perks of being a wallflower”, titolo quasi introducibile (fa riferimento al “fare tappezzeria” durante i party) e che da noi arriva con una scelta di titolistica ben poco accattivante. Una classica storia di formazione, molto semplice ma estremamente sincera, oltre che essere ben interpretata dal giovane Logan Lerman.

 Sfruttando abilmente la colonna sonora, la storia, riporta a galla il malessere, la gioia delle prime volte, la sfiancante lotta tra necessità d’integrazione e desiderio anticonformista tipico dell’adolescenza. In quel “don’t dream it, be it”, che il film cita, è ben riassunto lo spirito dell’opera, che fa della ricerca della libertà il vero strumento di cura di se stessi, ricordandoci che se non ci si è salvati da soli è impensabile pensare di salvare gli altri.

 Nostalgicamente dolce e spietatamente amaro, il film, riesce a fondere con abilità questi due aspetti creando una grande empatia con i personaggi, vittime di qualche cliché ma sempre in grado di trovare la verità delle loro storie riuscendo a restituirla intatta allo spettatore. La sorpresa del film consiste proprio nel come, pian piano, riesca a coinvolgere spiazzando anche il cinico distacco con il quale ci si potrebbe approcciare. Lasciatevi incantare, solo per un giorno.

 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - chbosky - watson - lerman
 

[13-02-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE